Arrediamo il Moadon

I ragazzi delle organizzazioni giovanili rivolgono un appello a tutti gli iscritti per raccogliere divani, sedie, scaffali usati (a in buono stato) per arredare il nuovo Moadon. per contatti inviare una mail a :  giovani@torinoebraica.it . Vi ringraziamo in anticipo per il sostegno!

Comunicazioni dalla Biblioteca

La Biblioteca rimarrà chiusa martedì 10 marzo 2020 (Purim)

Dal Giorno della Memoria al 17 Febbraio

Le numerosissime iniziative collegate a vario titolo al Giorno della Memoria si sono idealmente concluse con il 17 febbraio, anniversario della concessione dei diritti civili ai Valdesi. Potremmo chiederci quale sia il legame fra questi momenti del calendario civile. Presto detto: non a caso, la tradizionale riflessione presso la Casa Valdese è stata dedicata quest’anno al tema dell’avanzata del nuovo antisemitismo, e il giorno successivo, il 17, il Consiglio comunale ha indetto una manifestazione per condannare gli episodi antisemiti che hanno macchiato la nostra città e la nostra regione negli ultimi giorni. Il GDM, sempre di più, è accompagnato da grandi emozioni e grandi polemiche, impegnando la Comunità in modo significativo. Urge però una riflessione sul senso della giornata e del nostro coinvolgimento: al Cimitero, alla cerimonia presso la Lapide dei deportati, c’erano pochissimi membri della Comunità, tanto che non è stato possibile recitare un qaddish; poco dopo in Sala Rossa il Presidente del Consiglio comunale ha espresso preoccupazione, proprio nel GDM, per l’antisemitismo crescente e per la violazione dei diritti umani in Israele, quasi a sottintendere dei collegamenti logici perversi fra Shoà, antisemitismo e situazione mediorientale. Nell’ottica di un ripensamento delle cerimonie ufficiali del GDM, assieme al presidente Disegni, ho chiesto all’amministrazione comunale che venissero coinvolte direttamente le scuole della città. La scuola ebraica ha avuto l’onore di essere la prima ad intervenire in questa nuova veste. In quella occasione, al cimitero, tre alunni della nostra scuola sono intervenuti con un sentito discorso presso la Lapide dei deportati, ed il 17 febbraio in Piazza Palazzo di Città Mattia Terracina, della III media ha pronunciato le parole che riportiamo di seguito. Rav Ariel Di Porto

Buona sera a tutti,

saluto e ringrazio la Sindaca, i rappresentanti delle istituzioni e tutti voi che siete venuti qui per esprimere la condanna dei gravi gesti di intimidazione che si sono verificati negli ultimi giorni a  Torino ed in altre località italiane e la solidarietà verso le vittime di insulti e minacce.

Mi ha colpito il fatto che qualche ignorante abbia osato sporcare con simboli nazisti proprio la casa di Lidia Rolfi, la staffetta partigiana, deportata a Ravensbrück quando non aveva ancora vent’anni, impegnata come testimone nella trasmissione della memoria a tanti ragazzi delle scuole. Io non l’ho conosciuta, ma mia mamma sì; fu Lei a raccontarle, proprio in quella casa, di guerra partigiana e dei lager, a prepararla per la visita al campo di Mauthausen negli anni del Liceo.

A Pomezia hanno fatto scritte antisemite davanti a due scuole; a pochi kilometri c’è Roma, il mio bisnonno paterno fu arrestato nel 1944 e si salvò miracolosamente dalla deportazione corrompendo un fascista con i pochi soldi che aveva in tasca mentre i suoi genitori finirono in campo di concentramento, ad Auschwitz.

A Torino hanno disegnato una Stella di Davide sulla casa di Marcello Segre. Il mio bisnonno e suo padre furono amici nella loro gioventù a Saluzzo e ora sono sepolti vicini nel cimitero ebraico.

Non è la prima volta che accadono atti antisemiti, ogni tanto succede.

Mio nonno mi ha raccontato che nel 1973, a Saluzzo, persone rimaste sconosciute entrarono di notte nel Cimitero Ebraico e spezzarono numerose lapidi. La guerra era finita da una generazione e a Saluzzo viveva solo più la nostra famiglia, mentre 29 cittadini saluzzesi, la maggior parte degli ebrei della città, erano stati deportati ad Auschwitz ed assassinati.

 L’Amministrazione cittadina volle intervenire con generosità nella sostituzione delle lapidi “infrante da mano sacrilega ignara del definitivo rifiuto al ritorno di barbari tempi  che ogni fede accomuna”.

 La scritta incisa nel marmo è difficile, intende esprimere più concetti importanti.

A me sono rimaste impresse due parole: “definitivo rifiuto”, che possono essere assunte come slogan anche oggi per esprimere il significato di questa nostra manifestazione: la Repubblica Italiana rifiuta il razzismo, e questo rifiuto è definitivo, scritto nella Costituzione.

I fascisti credevano in una razza superiore a cui le altre dovevano inchinarsi.

Noi crediamo nell’assoluta uguaglianza di diritti e di doveri.

Il Fascismo privilegiava la religione cattolica su tutte le altre fedi.

Oggi, citando la Costituzione: “Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge”.

Il Fascismo escluse gli studenti ebrei dalle scuole, licenziò  gli insegnanti ebrei.

Oggi io posso scegliere se frequentare una scuola pubblica o una scuola paritaria, quella ebraica, che ha l’ebraico e l’ebraismo come elementi fondamentali, che ha un metodo di studio basato sulla discussione e posso confrontarmi con i miei compagni, ebrei e non ebrei.

Queste scritte sono un campanello d’allarme per tutti, non solo per gli ebrei. Il popolo ebraico è spesso il primo a subire l’intolleranza ma mai il solo ad esserne colpito. Puntualmente essa si espande a tutto il resto della società, come ci insegna la storia.

Ed è per questo che siamo qui, per reagire subito, facendo sparire le scritte, manifestando contro l’odio razzista e antisemita. Questa è la risposta a chi si nasconde nella notte, come un ladro, per rievocare vecchi spettri di cui non saremo mai di nuovo vittime.

Invece io oggi sono qui, a viso aperto, a ribadire che non ho paura,  e che, come tutti voi,

credo in una sola cosa: nell’uguaglianza tra tutte le persone.

Mattia Terracina

Orario Uffici

Al fine di offrire un servizio il più possibile rispondente alle esigenze degli iscritti, abbiamo ampliato l’orario di apertura al pubblico nel modo seguente : tutte le mattine dalle 9:00 alle 12.00 e il martedì e giovedì pomeriggio dalle 14:00 alle 18:00, con la sola eccezione dell’Ufficio Cassa, che invece chiuderà alle ore 16:00. Si comunica inoltre che per motivi di carattere organizzativo gli uffici amministrativi riceveranno le telefonate dal lunedì al giovedì dalle 9 alle 18 con la sola interruzione dalle ore 12 alle ore 14. Il venerdì riceveranno le telefonate dalle ore 9 alle ore 13.

Orario Uffici

Gli uffici della Comunità rimarranno chiusi martedì 10 marzo (Purim)