L’Imperatore di Atlantide

Presentazione dell’opera di Viktor Ullmann e Petr Kien.
(A partire dal volume a cura di Enrico Pastore con un contributo di Marida Rizzuti e traduzione del libretto di Isabella Amico di Meane, Miraggi Editore, Torino 2019)
Intervengono: Enrico Pastore, Enrico Fubini, Marida Rizzuti, Isabella Amico di Meane
Introduce: David Sorani

L’imperatore di Atlantide è una breve opera lirica composta da Viktor Ullmann e Petr Kien nel 1943-44, mentre erano prigionieri del ghetto di Terezín. L’opera è un vero e proprio atto di resistenza: Ullmann e Kien reinterpretarono infatti un mito caro ai nazisti, quello di Atlantide, paradiso perduto della purezza ariana, inscenandone profeticamente il crollo e la sconfitta. In questo volume – che presenta il testo del libretto in traduzione con l’originale tedesco a fronte – Enrico Pastore racconta la storia dei due autori, illustra il contesto del ghetto di Terezín e analizza il valore artistico dell’opera, mentre a Marida Rizzuti è invece affidata l’analisi della partitura.

https://torinoebraica.it/app/uploads/2019/04/Imperatore-Atlantide-3.png