Cambiamento orario

Dal mese di febbraio 2022 la Biblioteca E. Artom sarà aperta solo il mercoledì pomeriggio.

Carne kasher glatt fresca (per promemoria 3/12)

Nella settimana dal 6 al 10 dicembre sarà possibile inviare gli ordini di carne fresca alla macelleria Asitonai con consegna intorno al 15 dicembre.
Gli ordini devono essere inviati direttamente alla Macelleria Asitonai preferibilmente via e-mail (raffaelehassanas@gmail.com) o Whatsapp (3516741265):
Ricordiamo alcune istruzioni già inviate in precedenza:
l’ordine deve contenere: Nome e Cognome del richiedente, indirizzo con eventuali specifiche di consegna (es. suonare citofono, interno, ecc) e numero di telefono. In presenza di dati non completi, non sarà possibile procedere alla consegna, che verrà effettuata a domicilio dal ristorante ENO’. Il costo di 10 € dovrà essere pagato ad ENO’ al momento della consegna. ENO’ rilascerà al cliente una ricevuta (predisposta preventivamente dalla Comunità);
il pagamento della carne avverrà con bonifico diretto effettuato dai singoli clienti al macellaio Raphael Asitonai. Iban: IT34E0832703253000000002050
Appena eseguito il bonifico è necessario comunicare, via email (raffaelehassanas@gmail.com) o Whatsapp (3516741265), al macellaio l’avvenuto pagamento per l’emissione dello scontrino fiscale.

Ricordiamo che fino al 2 dicembre non sarà erogato il servizio di ristorazione kasher, mentre rimane regolare la vendita dei prodotti (formaggi e vini).

Chiusura invernale

La Biblioteca rimarrà chiusa dal 23 dicembre 2021 al 10 gennaio 2022

Orario Uffici

Gli uffici rimarranno chiusi dal 27 dicembre 2021 al 6 gennaio 2022.

Due Chiacchiere in Famiglia: la Comunità torna un po’ in presenza

Relax, cibo e chiacchiere. Un po’ di persone sono tornate a visitare le mura del Centro Sociale.

Domenica 7 novembre le famiglie con bambini piccoli e ragazzi giovani hanno partecipato a una iniziativa della Commissione Rapporti con gli Iscritti e con il coordinamento di Claudia Abbina.

I bambini con l’aiuto di Beatrice e Carlotta Hirsch e di Nadir Nsongan hanno giocato e fatto attività mentre i genitori si sono goduti la giornata in compagnia.

Circa 70 fra adulti e piccoli hanno partecipato all’attività, rispettando tutte le normative anti-Covid; alcuni dei presenti erano famiglie israeliane residenti a Torino da parecchi anni.

 

Una luce accesa in ricordo della violenza

Una luce accesa in tutte le sinagoghe e in tutti i luoghi ebraici d’Italia e un momento dedicato allo studio della Torah.
Questo è stato l’invito rivolto martedì 9 novembre 2021 dall’UCEI alle 21 Comunità distribuite su tutto il territorio nazionale.

Un gesto di Memoria nel giorno in cui si ricordano le violenze e i morti della Notte dei Cristalli. Ma anche un messaggio di identità ebraica viva, di luci ancora accese e di testimonianza che continua a trasmettersi attraverso le generazioni nonostante i propositi di chi allora perseguiva la distruzione dell’ebraismo europeo. 

La Comunità Ebraica di Torino ha tenuto accese le luci della Sinagoga per tutta la notte, in ricordo delle violenze dei pogrom antisemiti che scoppiarono tra il 9 e il 10 novembre 1938 in Germania e Austria.

In Piemonte sono state accese le sezioni di Alessandria, Cuneo, Ivrea e delle Comunità di Casale, Vercelli e Biella.

Bando Ucei per Tecnico Informatico

l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane è alla ricerca di n.1 Tecnico Informatico che abbia maturato esperienze in campo tecnico e/o di assistenza agli utenti, con ottima conoscenza dei sistemi Microsoft e problematiche ad essi relativi.

Le domande dovranno pervenire all’UCEI entro e non oltre il 3 Novembre 2021 via mail all’indirizzo info@ucei.it  o consegnate a mano presso la sede UCEI, Lungotevere Sanzio, 9 00153 Roma.

In caso di consegna a mano gli orari di apertura della segreteria UCEI sono: Lun-Giov 8.30-16.30/Ven 8.30-13.30.

Per informazioni, contattare la Segreteria: tel. 0645542.208-217; mail: segreteria@ucei.it

https://torinoebraica.it/wp-content/uploads/2021/10/Bando-tecnico-informatico-2021.pdf

Torino, l’Aron simbolo dell’Emancipazione in viaggio verso il Meis

Venerdì 29 ottobre apre al pubblico al Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah (MEIS) di Ferrara l’esposizione “OLTRE IL GHETTO. DENTRO&FUORI”
La mostra, che sarà aperta fino al 15 maggio 2022, ripercorre la storia degli Ebrei italiani nel periodo che va dal confinamento all’interno dei ghetti all’inizio del Novecento.
La Comunità di Torino, con la collaborazione della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la Città metropolitana di Torino, la Fondazione Torino Musei e l’Archivio Ebraico Terracini, è presente in mostra con l’Aron Hakodesh attualmente collocato nella Galleria del Tempio piccolo.
Come noto, l’Aron, un tempo appartenuto a una Sinagoga del ghetto di Torino, venne donato nel 1884 dall’allora Università Israelitica di Torino alla Città e al Museo Civico di Arte Antica, dove è stato ospitato nelle collezioni di studio.
Per gentile concessione della Direzione di Palazzo Madama, l’Aron, il più antico arredo ligneo appartenuto alle Sinagoghe del ghetto torinese, è ritornato in comodato alla Comunità Ebraica di Torino per essere esposto nella Galleria del Tempio Piccolo a partire dal 12 dicembre 2010.
L’arredo ligneo è dorato e decorato con fregi e figure architettoniche che simboleggiano il Tempio di Gerusalemme: la sua origine viene fatta risalire al periodo compreso tra l’ultimo decennio del XVII e il primo del XVIII secolo, in concomitanza con l’istituzione del ghetto a Torino per volere dei Savoia.
L’Aron è stato disallestito il 26 ottobre a cura della Ditta Montenovi, sotto la supervisione di Stefania Capraro, registrar di Palazzo Madama, della restauratrice Giuliana Bordignon – che ha effettuato alcuni piccoli interventi di consolidamento – e di Baruch Lampronti per la Comunità.
Oltre alle ante dell’Aron è stata inviata al MEIS per la mostra anche una tavoletta segna-offerte proveniente dalla Sinagoga di Carmagnola e custodita presso l’Archivio Ebraico Terracini. 
Il 28 ottobre ha partecipato all’inaugurazione della mostra Rav Ariel Di Porto in qualità di Presidente della Fondazione ebraica De Levy che ha contribuito al sostegno dell’esposizione.

Locandina della Mostra “Oltre il Ghetto, Dentro & Fuori”

(Nell’immagine, il presidente del Meis Dario Disegni, il direttore del Meis rav Amedeo Spagnoletto con Sharon Reichel, Carlotta Ferrara degli Uberti e Simonetta Della Seta, curatrici assieme ad Andreina Contessa della mostra “Oltre il ghetto. Dentro&Fuori” – foto di Bruno Leggieri)

 

Cambiamento orario

Da ottobre la biblioteca E. Artom sarà aperta su prenotazione e presentazione di green pass anche il martedì mattina. I nuovi orari sono: martedì dalle 10.00 alle 12.00 e mercoledì dalle 16.00 alle 18.00