×

ORARI TRAMONTO



Altre Istituzioni

ADEI-WIZO Prossimi Eventi

Associazione Donne Ebree d’Italia, è una associazione di promozione sociale federata alla WIZO Mondiale, è da 85 anni attiva nel campo del volontariato sociale e culturale.
Si propone di diffondere la cultura e i valori dell’ebraismo e del sionismo, promuovere la condizione della donna e sostenere le istituzioni Wizo in Israele.

ADRIANA REVER

ARCHIVIO EBRAICO BENVENUTO E ALESSANDRO TERRACINI Prossimi Eventi

L' associazione é nata nel 1973 per volontà della Comunità ebraica di Torino, conscia dell'esigenza di creare un'istituzione preposta alla raccolta del patrimonio documentale del Piemonte ebraico e le ha affidato il proprio archivio storico e quelli di altre Comunità ebraiche piemontesi, molte delle quali sono oggi Sezioni della Comunità torinese.

L' attività dell'Archivio si esplicita dunque nel raccogliere, catalogare, conservare e valorizzare le testimonianze del retaggio ebraico piemontese. Per sopperire, pur se in piccola parte, alla massiccia distruzione di documenti avvenuta il 20 novembre 1942 a causa di un bombardamento, l'Archivio è impegnato ormai da anni nella raccolta di documenti di famiglie ebree piemontesi o di origine ebraica piemontese, al fine di poter ricostruire i segmenti venuti a mancare alla storia dell'ebraismo piemontese.

Presso l'Archivio sono depositati oggetti cultuali, un'importante raccolta di Ketubbot, volumi di manoscritti in lingua ebraica e volumi antichi a stampa in lingua ebraica, raccolte di periodici, fotografie, dvd, raccolte di musiche ebraiche piemontesi ed altro ancora.

L'Archivio ha una propria collana di pubblicazioni frutto di ricerche e studi sull'ebraismo piemontese, e realizza mostre e convegni. La propria attività si svolge attraverso progetti che godono del sostegno di Enti pubblici e privati.

L'Archivio mette a disposizione i propri archivi a studiosi e a quanti sono interessati a conoscere l'ebraismo piemontese, sempre nel rispetto della legge sulla privacy e del regolamento dell'Archivio stesso.

Informazioni più precise riguardanti l'Archivio si trovano nel sito web: www.archivioterracini.it

BNEI AKIVA Prossimi Eventi

Il Bnei Akiva è un movimento giovanile ebraico sionista fondato nel 1929 da Yechiel Eliash,
esponente del partito operaio Apoel Ha-Mizrachi.
Gli ideali trasmessi si basano sul pensiero del grande filosofo Rav Kook, già Capo Rabbino
d’Israele e sono riconducibili al motto: TORA’ VE AVODA’.
Fondamentali per il movimento sono infatti lo studio della Torà con la conseguente applicazione
delle mitzvot, nonché il lavoro pratico della terra d’Israele; un esempio lampante dell’applicazione
di tali ideali è quindi l’attività nei Kibbutzim datim (religiosi).
Possiamo trovare almeno un Senif (sede) Bnei Akiva in 34 nazioni nel mondo che svolgono attività
per oltre 45.000 giovani ebrei.
Le sedi principali in Italia sono quelle di Roma e Milano, che accolgono dai 100 ai 150 ragazzi.
Anche a Torino, Livorno, Padova, Napoli e Venezia vi sono chanichim che spesso vengono
coinvolti in viaggi ed attività durante l’anno.

CENTRO INTERNAZIONALE DI STUDI PRIMO LEVI

Il Centro internazionale di studi Primo Levi promuove la conoscenza di Primo Levi, testimone di Auschwitz, scrittore fra i più noti dell’Italia contemporanea, chimico e intellettuale sempre attento alle domande delle nuove generazioni. In questo si rivolge sia ai cultori di discipline umanistiche e scientifiche, sia al vasto pubblico di chi, fra i giovani e i meno giovani, può apprezzare la sua opera, il suo pensiero e la sua personalità.

Il Centro ha sede a Torino, la città dove Primo Levi è vissuto dal 1919 al 1987, e si propone di raccogliere le edizioni delle sue opere, le numerose traduzioni pubblicate in tutto il mondo, la bibliografia critica, ogni forma di documentazione scritta e audiovisiva sulla sua figura e sulla ricezione dell'opera. Intende inoltre offrire un sostegno alle ricerche degli studiosi e realizzare proprie iniziative, quali la Lezione Primo Levi promossa nell'autunno di ogni anno, per alimentare il dibattito sui temi più cari allo scrittore torinese.

Il Centro è un'associazione costituita nell'aprile del 2008, di cui sono soci fondatori la Regione Piemonte, la Città e la Provincia di Torino, la Compagnia di San Paolo, la Comunità ebraica di Torino, la Fondazione per il libro, la cultura e la musica, la famiglia di Primo Levi.

HASHOMER HATZAIR

L'Hashomer Hatzair è un movimento giovanile che opera a livello internazionale. Il movimento ha 7.000 membri all’estero di Israele in Canada, Stati Uniti d’America, Messico, Venezuela, Brasile, Argentina, Uruguay, Cile, Francia, Belgio, Austria, Italia, Svizzera, Olanda, Ungheria, Bulgaria, Bielorussia, Ucraina e Australia.

L’Hashomer Hatzair in Italia ha quattro kenim (sezioni, letteralmente “nidi”): a Roma (Yad Mordechai), Milano (Holit), Firenze (Nirim) e Torino (Deganià). Il ken di Roma rimane però il più grande contando fino a 170 presenze il sabato. I gruppi (kvutzot) sono organizzati per età e portano i nomi dei kibbutzim di Israele. Vengono svolti due campeggi l’anno durante le vacanze invernali (machanè choref) e durante quelle estive (machanè haits). I giovani che hanno completati gli studi ogni anno trascorrono un periodo di dieci mesi (“Shnat Hachshara”) in Israele, per poi tornare ed aiutare il movimento giovanile dopo la loro esperienza.

KEREN HAYESOD

Fondato nel 1920 durante il Congresso Sionista Mondiale di Londra, il Keren Hayesod ha assunto nell'ebraismo mondiale il ruolo ufficiale della raccolta di fondi per il movimento sionista. Mentre una cruenta ondata di pogrom investiva l'Europa orientale, i leader del Keren Hayesod colsero l'occasione offerta dalla dichiarazione Balfour, mobilitandosi per sostenere economicamente la fondazione di una patria per gli ebrei. Sin dal suo primo storico appello in quel senso, il Keren Hayesod si è sempre impegnato a fondo per la crescita ed il progresso di Israele.

Con la fondazione dello Stato di Israele il Keren Hayesod è divenuto una Istituzione Nazionale; e' del 1956 la "Keren Hayesod Law", che lo riconosce come l'organo ufficiale di raccolta fondi dello Stato, unico autorizzato dalla Knesset. Fin dal 1948 il Keren Hayesod ha aiutato più di tre milioni di nuovi immigrati a fare l'Aliyah e a costruire nuove vite in Israele; tra loro vi è un milione di immigrati dai Paesi dell'ex Unione Sovietica che hanno fatto l'Aliyah dal 1990. Il Keren Hayesod e' inoltre impegnato in prima linea nel sostegno delle fasce piu'deboli della popolazione israeliana, in particolare anziani e giovani a rischio.

Il Keren Hayesod attualmente opera in tutto il mondo; in Italia come altrove, alla campagna di raccolta collaborano attivamente anche la sezione femminile (Women's Division) e la sezione giovanile (Young Leadership). Oltre alla raccolta fondi attraverso donazioni annuali, il Keren Hayesod offre anche ai propri donatori l'opzione "dono pianificato" ('planned giving') con possibilità di lasciti. Il sito www.conisraele.it riporta informazioni dettagliate sull'istituzione e le sue iniziative.

A Torino le donazioni si effettuano direttamente presso la Comunita', oppure - per ottenere la detraibilita' ai fini fiscali - mediante bonifico bancario a favore di S.E.Onlus, IBAN IT91 B035 1201 6140 0000 0008 290.

KKL ITALIA ONLUS

Commissione di Torino

Più di 110 anni fa, il quinto congresso sionista decise di istituire Keren Kayemeth LeIsrael, il Fondo Nazionale Ebraico, per iniziare una nuova fase per il popolo ebraico, una fase di azione capace di realizzare materialmente l'aspirazione del popolo dopo 2000 lunghi anni di esilio.

In Italia l'attuale KKL Onlus, creata per armonizzare le normative fiscali italiane con le finalità del KKL in Israele, realizza progetti che riguardano vari aspetti: il rimboschimento di vaste aree, l'approvvigionamento dell'acqua con bacini idrici che funzionano da collettori di acqua piovana, il riciclo delle acque sporche per l'uso agricolo ed industriale, la bonifica di vaste zone con ruscelli inquinati e la loro trasformazione in parchi attrezzati per visitatori, la preparazione del territorio con infrastrutture per la nascita di nuovi insediamenti, la costruzione di strade, in particolare lungo i confini per rendere sicuri i villaggi che si trovano nelle vicinanze.
Il KKL Italia Onlus organizza attività di vario genere per far conoscere e realizzare i numerosi progetti in Israele: conferenze, gite, serate di gala, attività per i giovani, attività nelle scuole, attività per le principali festività ebraiche e molto altro.

Così facendo, il KKL Italia vuole avvicinare i suoi sostenitori ai molteplici aspetti della vita israeliana, facendo da tramite tra due realtà diverse e contemporaneamente simili, rendendo gli amici italiani partecipi della vita degli amici israeliani. Altrettanto importante è il ruolo informativo che l'Associazione svolge presso i suoi frequentatori rendendoli coscienti dell'importanza del rispetto dell'ambiente e della tutela delle fonti non rinnovabili.

A Torino presso gli uffici della Comunità Ebraica è disponibile un ufficio KKL Onlus che potrà fornire a privati, enti ed associazioni informazioni sulle attività in corso e materiale informativo, valutare progetti congiunti e raccogliere fondi per la realizzazione degli stessi.

http://www.kkl.org.il/eng/

PIEMONTE EBRAICO ONLUS

E’ sempre possibile devolvere delle offerte a Piemonte Ebraico Onlus.

Si ricorda che le erogazioni sono totalmente deducibili ai fini fiscali e potranno essere portate in deduzione sulla dichiarazione dei redditi. A tal fine indichiamo il NUOVO IBAN per poter effettuare i bonifici:

IT97 Z033 5901 6001 0000 0015 740 – BANCA PROSSIMA intestato a PIEMONTE EBRAICO O.N.L.U.S.

TZA'AD KADIMA

Tza'ad Kadima (A Step Forward), the Association for Conductive Education in Israel, is an organization that works to educate and rehabilitate children and adults with cerebral palsy and motor disabilities.

In 1987, Tza'ad Kadima was established by parents and professionals with the goal of advancing the Conductive Education approach (the Peto approach) developed in Hungary, integrating it as an essential part of the special education system in Israel and giving parents seeking a different educational-rehabilitative approach for their children, an alternative to the prevailing approach in Israel.

Today, the organization programs span multiple frameworks for infants, children, adolescents and adults with cerebral palsy and developmental disabilities throughout the country. Tza'ad Kadima’s main goal is to develop each participant’s self-esteem, independence, and competencies toward mainstreaming into regular society successfully, while providing the necessary environmental support along the way. To accomplish these goals, Tza'ad Kadima involves the families and follows normal daily routines as the basis for its work.

TOP